Prossimi Eventi

Ultimi Eventi

YouTube Video

Benvenuti nel sito ufficiale di Grimoaldo Macchia

Nell’ambito della sua generazione può essere considerato un musicista eclettico: compositore, pianista, organista, arrangiatore e direttore d’orchestra, che spazia dalla musica antica a quella classica e contemporanea, passando anche attraverso le contaminazioni della musica leggera, del rock e della musica jazz.
Ha partecipato ad importanti manifestazioni musicali ed ha tenuto concerti in importanti sedi italiane ed estere. Ha realizzato diversi CD sia come esecutore, compositore ed arrangiatore.
Autore di musica strumentale e da scena, ha composto per diversi insiemi strumentali, per orchestra, per organo e per ogni organico corale. Ha ricevuto riconoscimenti per le sue esecuzioni e composizioni anche dal Presidente della Repubblica Ciampi e dal Santo Padre Benedetto XVI, suonando e dedicando a quest’ultimo una Toccata e Fuga in suo onore. Attualmente è  Docente di musica presso lo Iunior International Institute, ha collaborato con il Conservatorio di Musica “L.Refice” di Frosinone.

"La musica è la stenografia dell'emozione. Emozioni che si lasciano descrivere a parole con tali difficoltà sono direttamente trasmesse nella musica, ed in questo sta il suo potere ed il suo significato."

L. TOLSTOJ

Opera di Francesco Cassiani

"La musica è un mantello che t'avvolge
e i tuoi sensi travolge.

È come aurora boreale,
ti sa incantare.

Rilascia luci e colori

inebriandoti dentro e fuori.

È respiro vivente,
emozione crescente.

È un vento che ti porta lontano,
è radiosa come sole mattutino.

Ti può far viaggiare
senza farti spostare.

Ti farcisce con la sua armonia
è meraviglia, è nostalgia.

Ti porge il fazzoletto
quando ti senti afflitto.

Ti sa rischiarare
e la malinconia azzerare.

È una fedele sposa
che mai si riposa.

Ti accompagna nel tuo cammino
e per sempre ti starà vicino."

SIMONA ASTORINO

"Il colore è un mezzo per esercitare sull'anima un'influenza diretta. Il colore è un tasto, l'occhio il martelletto che lo colpisce, l'anima lo strumento dalle mille corde".

VASILIJ KANDINSKIJ